Recipes for Change: con IFAD dallo Sri Lanka una nuova Ricetta per il Cambiamento Climatico

Ottobre 2019 – Anuradhapura, a 200 km a nord della capitale dello Sri Lanka, le fronde degli alberi di Moringa offrono un riparo dalle temperature tropicali mentre le radici affondano nel terreno di resilienza ai cambiamenti climatici.  Inizia da qui la mia seconda missione con IFAD, il Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo delle Nazioni Unite per il progetto Recipes for Change/Ricette per il cambiamento, programma di formazione e sostegno alle realtà rurali e ai piccoli produttori agricoli delle zone più povere del pianeta maggiormente colpite dai cambiamenti climatici.  Assieme all’agenzia cingalese SAPP (Smallholder Agribusiness Partnership Program), conosciamo il progetto Public-Private-Producer Partnership (4P) che sostiene le coltivazioni di Moringa in Sri Lanka e ne valorizza l’export. 

Una famiglia di contadini che vive nel cuore della giungla di Anuradhapura, ci mostra la piantagione di ‘miracle tree’. ‘Albero dei miracoli’ o ‘Albero della vita’, qui la Moringa è chiamata anche così per per le sue tantissime proprietà benefiche. Dalle radici alle foglie ogni parte di questa pianta è una incredibile sorgente nutrizionale di proteine, vitamine, minerali, antiossidanti e agenti curativi. In Occidente, sugli scaffali dei negozi, la Moringa ha il bollino di ‘super-food’ ma sappiamo che è solo una definizione di marketing, che nessun cibo da solo è super e a dirla tutta io non credo neanche ai miracoli. Basta rimanere con i piedi per terra, come le radici di Moringa che vanno in profondità e resistono a lunghi periodi di siccità, contrastano l’erosione e stabilizzano il suolo, arricchendolo contemporaneamente con il ciclo vitale della pianta. Un giorno in famiglia con gli agricoltori di Anuradhapura mi è stato sufficiente per trovare quell’equilibrio virtuoso con la natura che resiste e si adatta ai cambiamenti climatici, anche nelle aree più disagiate della terra dove il confine è tra la sopravvivenza e l’estinzione. Abbiamo lavorato nei campi, cucinato e mangiato assieme, saziandoci di quel ciclo di sostenibilità che la stessa terra c’insegna da millenni. È questa la vera Ricetta per il Cambiamento.